eventi

Equilibri liquidi: il progetto Reti Ecologiche | Piave-Ardo

Giochi di relazioni che generano bellezza

Emozionatevi con il video che vi proponiamo qui sotto, scoprite le bellezze nascoste dei due corsi d’acqua che abbracciano la città di Belluno, valorizzati da un recente progetto che vuole permettere a tutti di frequentare con consapevolezza la natura che ci circonda.

La città di Belluno, posta alla confluenza fra Ardo e Piave, conserva una straordinaria ricchezza ambientale dell’ecosistema fluviale.
Un tratto urbano di fiume così ben conservato, ricco di forme fluviali, ampio e in stretto rapporto con il territorio che lo circonda e con la città che attraversa, com’è la Piave nei pressi di Belluno, è quantomeno raro, se non unico a livello nazionale.

LA Piave, al femminile, spiega proprio questo intenso rapporto che il fiume vivo e vitale ha con il territorio: fin dall’antichità i nostri nonni usavano il femminile per riferirsi a questa creatura che “porta in sé la vita”.

Un corso d’acqua quando mantiene i suoi equilibri geologici e biologici rappresenta di fatto un luogo di grande valore dove animali e altre specie viventi si spostano, si fermano e in alcuni casi vivono. Alcuni si riproducono, altri si adattano e si modificano, altri ancora si specializzano dando origine complessivamente ad una danza di biodiversità migrante nel tempo e nello spazio. I fiumi sono, per la biosfera, dei corridoi ecologici dove si possono godere una serie di servizi che la natura offre.

Il progetto Reti Ecologiche si inserisce in un quadro di azioni e politiche decennali che hanno visto la crescita della coscienza collettiva sul valore dei corsi d’acqua. Fra i risultati, il Comune di Belluno e la Provincia di Belluno, sostenuti dalla Fondazione Cariverona, hanno portato a termine vari interventi di miglioramento degli habitat e della funzionalità delle reti ecologiche nel tratto urbano del fiume Piave e del suo affluente torrente Ardo.

L’obiettivo prioritario è la tutela e la conservazione degli organismi e dei loro habitat, e questo serve a restituire naturalità ai luoghi, facendoli diventare spazi ricreativi dove fare esperienze con i 5 sensi (sentieri e piste ciclabili, aree di sosta e di ristoro, punti di osservazione della fauna, etc.).
In quest’ottica, nei tratti del fiume Piave e del torrente Ardo che interessano la città di Belluno, sono stati realizzati degli interventi per migliorare la rete ecologica e, nel contempo, permettere una frequentazione consapevole delle aree interessate.

Per i più piccoli, vi proponiamo invece un fumetto di “Avventure sulla Piave”. Insieme a Federico, Tina e Tommaso e accompagnati da tanti amici animali i bambini potranno capire l’importanza della salvaguardia degli ecosistemi fluviali, del rispetto della natura e della fauna. Il fumetto, illustrato da Andrea Cozzarin su progetto di Dolomiti Project e Bruno Boz e sceneggiatura di Evidenzia immagine&comunicazione, è scaricabile qui.