Teatro Comunale

Posizione piazza Vittorio Emanuele Belluno
Sto caricando la mappa ....

I prossimi eventi:
Belluno Miraggi: "Birdie"

Nell’ambito della stagione teatrale “Belluno Miraggi”, giunta alla IV edizione, i direttori artistici Rajeev Badhan e Elena Strada la prima regionale dello spettacolo “Birdie” della compagnia catalana Agrupación Señor Serrano, sabato 20 gennaio alle ore 21.00 al Teatro Comunale.

Birdie è uno spettacolo multimediale che mette insieme video live, oggetti, gli “Uccelli” protagonisti del capolavoro di Hitchcock, 2000 animali in miniatura, guerre, contrabbandieri, una migrazione di massa e tre artisti che gestiscono questo disordinato mondo con spirito critico, impegno civile e un ritmo narrativo incalzante, facendo emergere una riflessione su una società a due velocità, in cui un divario incolmabile separa mondi confinanti.
Due miraggi. In uno: guerre, siccità, massicce deforestazioni, litorali inquinati, sfruttamento del lavoro, instabilità politica, condizioni sanitarie scarse, persecuzioni, deportazione forzata, abuso di risorse naturali, siccità, carenze alimentari … Nell’altro: supermercati, strade sicure, famiglia, stabilità, servizi sanitari, libertà, lavoro retribuito, rispetto dei diritti umani, benessere, riciclaggio, energie rinnovabili, prosperità, mobilità sociale … E tra di loro, stormi di uccelli. Migliaia di uccelli migratori che costantemente tracciano forme impossibili nel cielo. Movimento. Movimento incessante. Uccelli … e oltre, pianeti, asteroidi, materie prime, galassie, sangue, cellule, armi, atomi, elettroni, pubblicità, quark, ideologia, paura, spreco, speranza. Vita. Nulla nel cosmo è quieto. L’immobilità è una chimera. L’unica cosa che c’è, è il movimento. Se è impossibile arrestare un elettrone, qual è il motivo di costruire barriere contro stormi di uccelli?

LEONE D’ARGENTO PER L’INNOVAZIONE TEATRALE ALLA BIENNALE DI VENEZIA 2015 – PREMIATO AL GREC FESTIVAL DI BARCELLONA 

Ideazione: Àlex Serrano, Pau Palacios, Ferran Dordal
Con: Àlex Serrano, Pau Palacios, David Muñiz
Voce: Simone Milsdochter
Project manager: Barbara Bloin
Lighting design e video programming: Alberto Barberá
Sound design e colonna sonora: Roger Costa Vendrell Creazione video: Vicenç Viaplana
Modellini in scala: Saray Ledesma, Nuria Manzano
Costumi: Nuria Manzano
Assistente di produzione: Marta Baran
Consulente scientifico: Irene Lapuente/La Mandarina de Newton Consulente sul progetto: Víctor Molina !
Consulente legale: Cristina Soler
Organizzazione: Iva Horvat
Distribuzione in Italia: Ilaria Mancia
foto: Pasqual Gorriz

INFO E PREOTAZIONI:

328-9252116 – biglietteria@slowmachine.org

 

ABBONAMENTO:

Platea e prima galleria centrale: Intero 110 € – Ridotto 95 €

Galleria Laterale: Intero 80 € – Ridotto 65 €

BIGLIETTI:

Platea e prima galleria centrale: Intero 22 € – Ridotto 18 €

Galleria LateraleIntero 15 € – Ridotto 12 €

Riduzioni: Fino ai 30 anni – Over 65

Quando sabato 20 gennaio 21:00 - 23:00 Comincio dai 3: "L'omino delle stelle"

Nell’ambito della rassegna di teatro per le nuove generazioni “Comincio dai 3” l’associazione Teatro Evento presenta “L’omino delle stelle”.

E’ ormai la fine della giornata, una giornata piena di giochi, di divertimento, di amici: la piccola protagonista di questa storia è molto stanca e desiderosa di fare la nanna. Eppure, sempre, quando cala la notte, una strana atmosfera di mistero e di paura la avvolge. E’ in quel momento che vorrebbe addormentarsi nel lettone invece che sola nella sua cameretta. Perché? Che succede quando la mamma spegne la luce e lei chiude gli occhi, si rannicchia sotto le lenzuola e comincia a dormire? Durante la notte, mentre noi dormiamo, il mondo si ferma? Il buio immobilizza tutto e tutti come le statue in un museo? Oppure qualcuno rimane sveglio e continua a lavorare, a camminare, a fare qualcosa, insomma?! Rimangono svegli, forse, solo i mostri e i fantasmi? O c’è qualcun altro? La mamma dice che qualcuno c’è sempre, di notte, che veglia e lavora: l’omino delle stelle, ad esempio, che accende le stelle del firmamento e al mattino le spegne. Pochi si accorgono di lui, perché ha il passo felpato e le labbra silenziose, ma c’è ed è ovunque. E poi c’è il fornaio che fa il pane, di notte, perché al mattino lo possiamo imburrare e lo possiamo mangiare col latte a colazione. E poi c’è il dottore che, con l’infermiere, al Pronto Soccorso, guarisce i bambini che si ammalano di notte. E poi… e poi… un sacco di gente continua a far girare il mondo di notte, perciò possiamo addormentarci tranquilli e senza paura. Anzi, per la piccolo protagonista di questa storia, la notte sarà il luogo in cui conoscere personaggi straordinari e vivere nuove appassionanti avventure.

Consigliato per bambini dai tre agli otto anni

Testo: Cristina Bartolini
Regia: Sergio Galassi
Con: Cristina Bartolini, Massimo Madrigali e Tzvetelina Tzvetkova
Pupazzi e figure: Claudia de Benedittis
Scene: Viola Corinaldesi

 

Biglietti: intero euro 12 – ridotto euro 8

 
Info:
Tib Teatro
Tel: 0437 950555, Cell: 334 6620926, info@tibteatro.it, www.tibteatro.it
Quando domenica 21 gennaio 17:00 - 18:30 Tosca

La celebre opera lirica di G. Puccini sbarca al Teatro comunale venerdì 26 gennaio, alle ore 20.45.

Storia ambientata a Roma nell’800, nel clima di tensione in seguito agli avvenimenti rivoluzionari in Francia e alla caduta della I Rep. Romana.
I momenti salienti confluiscono in alcune arie famose: “Vissi d’arte” (atto II), rappresenta la disperazione di Tosca, “E lucevan le stelle” (atto III), in cui il pittore Cavaradossi ricorda i momenti passati con l’amata.

Personaggi e interpreti: Tosca-Nadia Vezzù, Mario Cavaradossi-Miro Solman, Barone Scarpia-Ivan Marino, Cesare Angelotti-Gaetano Nasato Tagnè, Sagrestano-Nico Mamone, Spoletta-Luca Favaron, Sciarrone-Giacomo Nalin, carceriere-Giancarlo Bergamo. Regia: Vittorio Zambon.

A cura di Mousikè Venice Theatre Company, con la Fondazione Teatri delle Dolomiti e con il patrocinio del Comune di Belluno, lo spettacolo vedrà la partecipazione del Coro Opera Ensemble e del Coro Voci bianche S.Filippo Neri di Lavagno, col Maestro Ubaldo Composta, e dell’orchestra Filarmonica del Veneto, condotti dal Maestro Riccardo Leòn Boeretto.

Info e prevendite:

www.vivaticket.it

 

Liberia Tarantola, via Psaro 13 belluno, 0437 27825

 

Ufficio Prevendite del Teatro, via Rialto 6

sabato 20/01 ore 10.00-12.00

domenica 21/01 ore 10.00-12.00 / 17.00-19.00

Il giorno dello spettacolo presso la biglietteria del teatro comunale dalle ore 17.00.

Quando venerdì 26 gennaio 20:45 - 23:00 Historia: "Naufraghi nella tempesta della pace" - introduzione di Umberto Curi

La rassegna teatrale “Historia”, presentata da TibTeatri, propone una serie di spettacoli introdotti da relatori d’eccezione, per riflettere e far riflettere sui cambiamenti del nostro tempo. Il teatro torna ad essere quel laboratorio arcaico in cui un’intera comunità riflette su sé stessa, e solo attraverso il rito catartico che si svolge sul palcoscenico cerca – e capisce – la via da seguire. Per questo agli spettacoli sono associati dei contributi di pensiero affinché questo progetto sia occasione di confronto non solo con gli artisti, ma anche con chi tra filosofi, storici, politici, psicologi, giornalisti, scrittori, interpreta gli eventi del passato e quelli del presente.

Secondo appuntamento venerdì 9 febbraio alle ore 20.00: Umberto Curi, professore emerito di Storia della Filosofia presso l’Università di Padova e docente di Storia
della scienza presso l’Università San Raffaele di Milano, parlerà di “Legge e violenza”.

A seguire, alle ore 21.00 la compagnia Coltelleria Einstein porterà in scena Naufraghi nella tempesta della pace, di e con Giorgio Boccassi e Donata Boggio Sola, azione multimediale Massimo Rigo.

Le grandi leggi della dinamica internazionale e dei blocchi politici si scontrano con le leggi dellagente comune e della vita di tutti i giorni. Il confine nord-orientale dell’Italia dilaniato da lotte nazionaliste, ostilità e violenze, spesso volutamente dimenticate, l’esodo di migliaia di italiani, latragedia delle foibe sono vicende che toccano direttamente il popolo italiano, ma sono anche parte di una realtà molto più complessa, frutto di altre precedenti violenze, di altre precedenti discriminazioni, in una triste catena di ritorsioni, vendette e strategie discriminatorie, che lo spettacolo con chiarezza e sincera partecipazione mette in luce.

 

Info e prenotazioni:

tel.0437-950555
info@tibteatro.it
ABBONAMENTI : ridotto 60€ (under30-over60) – intero 80€
BIGLIETTI SINGOLI : ridotto 15€ (under30-over60) – intero 20€

 

Quando venerdì 9 febbraio 20:00 - 23:30 Historia: "La Tregua di Natale" - introduzione di Alessandro Faccioli

La rassegna teatrale “Historia”, presentata da TibTeatri, propone una serie di spettacoli introdotti da relatori d’eccezione, per riflettere e far riflettere sui cambiamenti del nostro tempo. Il teatro torna ad essere quel laboratorio arcaico in cui un’intera comunità riflette su sé stessa, e solo attraverso il rito catartico che si svolge sul palcoscenico cerca – e capisce – la via da seguire. Per questo agli spettacoli sono associati dei contributi di pensiero affinché questo progetto sia occasione di confronto non solo con gli artisti, ma anche con chi tra filosofi, storici, politici, psicologi, giornalisti, scrittori, interpreta gli eventi del passato e quelli del presente.

Terzo appuntamento sabato 24 febbraio alle ore 20.00Alessandro Faccioli, insegnante di Storia e Critica del Cinema presso l’Università di Padova, parlerà de “Il corpo del nemico ucciso. La lunga vita (e morte) dei filmati della Grande Guerra italiana”.

A seguire, alle ore 21.00 la Compagnia Anfiteatro porterà in scena La Tregua di Natale, con Marco Continanza, testo e regia Giuseppe Di Bello, scene Laura Clerici.

Durante l’inverno del 1914, al confine tra la Francia e il Belgio, inglesi e tedeschi erano impantanati in una logorante guerra di posizione combattuta nella disumana condizione delle trincee. Era la vigilia di Natale e per entrambi gli schieramenti, assieme agli ordini che dicevano che i combattimenti non avrebbero dovuto essere interrotti per nessun motivo, arrivarono pacchi dono
che contenevano dolci, liquori,tabacco, alberelli natalizi e candele… e … una tregua… Una tregua? Una tregua che nei giorni successivi si diffuse a macchia d’olio. Dalle trincee partirono
innumerevoli lettere per raccontare alle famiglie quello che stava accadendo, alcune di quelle lettere, assieme a qualche foto, finirono sui quotidiani: inglesi e tedeschi si stringevano la mano sui
campi di battaglia! Intervennero gli alti comandi e la tregua fu interrotta, ma i soldati fecero un patto solenne: nel caso li avessero costretti a riprendere i combattimenti nessuno avrebbe mirato
ad altezza uomo, avrebbero reso inoffensive le munizioni… “sparando alle stelle, in cielo”.


Lo spettacolo verrà accompagnato dalla mostra Memorie di Memorie. Da Sarajevo alla “Vittoria Mutilata”. I quotidiani raccontano la Grande Guerra. La mostra è stata allestita con le prime
pagine dei giornali dell’epoca (in originale) – 23 tavole per illustrare dal 1914 al 1921 gli avvenimenti salienti del conflitto.

 

Info e prenotazioni:

tel.0437-950555
info@tibteatro.it
ABBONAMENTI : ridotto 60€ (under30-over60) – intero 80€
BIGLIETTI SINGOLI : ridotto 15€ (under30-over60) – intero 20€

 

Quando sabato 24 febbraio 20:00 - 23:30