Architettura sacra e patrimonio mondiale dell’Unesco: i luoghi sacri bahá’í in Israele

Venerdì 18 gennaio 2019, a partire dalle ore 17.00,  presso la Centro Congressi (Sala San Vittore, Piazza Piloni, 11 – BL) si terrà un grande appuntamento dal titolo “Architettura sacra e patrimonio mondiale dell’Unesco: i luoghi sacri Bahá’í in Israele”. 

 

La conferenza: 

-Presenta: Arch. Sohrab Youssefian
-Modera: Prof. Fraco Chemello 

 

Nel 2008, l’UNESCO ha riconosciuto e classificato come patrimonio dell’umanità Un complesso di trentasette edifici, monumenti e altri luoghi di grande interesse storico, distribuiti sulle pendici dl Monte Carmelo a Haifa e Galilea occidentale, Israele. Questo alto riconoscimento è stato conferito per “l’eccezionale valore universale” di questi siti, denominati e registrati come “Luoghi sacri Bahà’i”. Questo complesso rappresenta il centro spirituale e amministrativo della comunità mondiale Bahà’i. Esso comprende anche i due siti considerati più sacri dai Bahà’i in tutto il mondo: la Tomba di Bahà’u’llàh e il mausoleo del suo predecessore, ll Bab. 
Il primo è un luogo di preghiera dove confluiscono fedeli da tutto il mondo; la sua importanza è paragonabile al Muro occidentale di Gerusalemme per gli ebrei e la Kaaba della Mecca per i musulmani. Oltre ai luoghi principali, sono oggetto di particolare attenzione e apprezzamento i floridi e curati giardini che circondano i monumenti. Centinaia di migliaia di visitatori e turisti ogni anno visitano il complesso, che presenta un valore architettonico oggettivo e riconosciuto. La conferenza verterà sugli aspetti storico-architettonici del sito Unesco. La Fede Bahà’i è una religionr monoteista. Bahà’u’llàh, il suo fondatore, è stato imprigionato ed esiliato nella colonia penale di Akka sotto l’impero ottomano, dove mori nel 1892.

 

 
Sohrab Youssefian  è nato a Teheran, Iran, nel 1943 e si è trasferito giovanissimo in Italia, dove ha compiuto gli studi liceali e l’università e dove tuttora risiede e opera. Si è laureato in architettura al Politecnico di Milano e ha collaborato a diversi progetti internazionali. L’educazione ricevuta, la visione spirituale e molto positiva della vita e della realtà umana, la ricca e intensa esperienza vissuta e l’opportunità di conoscere e collaborare da vicino con molte persone di variegata cultura e provenienza, hanno fatto di lui un convinto assertore della necessità di costruire insieme agli altri e pacificamente, una nuova società umana basata sui valori universali e sopratutto su alcuni concetti fondamentali come l’uguaglianza, vera libertà umana. Considera la diversità una vera ricchezza per il mondo e la cooperazione, la solidarietà e la reciprocità le vere chiavi di lettura per un mondo unito.

 

Mappa non disponibile

Dove
Centro Congressi - Sala San Vittore 

Quando
venerdì 18 Gennaio
17:00 - 19:00

Categorie No Categorie Tags