Focaccia bellunese

Eccoci con un’altra ricetta tipica della tradizione bellunese: la focaccia dolce, propria della tradizione regionale veneta e immancabile soprattutto nel periodo pasquale e primaverile. Questa versione è tratta dal libro “Belluno. 50 ricette tipiche”, edito da Terra Ferma, e si presenta come una ciambella intrecciata (in dialetto, “brazolà”). Lo stesso impasto, comunque, si presta ad essere cotto anche nella tradizionale forma rotonda.

Ingredienti

  • 500 gr di farina 0
  • 2 uova
  • 50 g di zucchero
  • 50 di miele millefiori
  • 1 bustina di vanillina
  • 100g di burro morbido
  • 2,4 dl di latte tiepido
  • un cubetto di lievito di birra fresco (oppure una bustina di lievito di birra secco)
  • un pizzico di sale
  • scorza di limone grattuggiato

Preparazione

Sciogliere il lievito nel latte tiepido. Impastare  tutti gli altri ingredienti (la farina, le uova, lo zucchero, il miele, la vanillina, il sale, la scorza di limone e il burro lasciato ammorbidire a temperatura ambiente). Infine, aggiungere il lievito sciolto nel latte tiepido e lavorare l’impasto molto a lungo ed energicamente, fino ad renderlo liscio e omogeneo. Riporlo in una terrina e lasciarlo lievitare per un’ora e mezza circa.

Dividere l’impasto in tre parti uguali, ricavandone dei rotoli affusolati. Intrecciare i tre impasti, dando forma ad una ciambella, e adagiarla su una teglia foderata con carta da forno. Lasciar lievitare altri 45 minuti (la ricetta originale consiglia di ultimare la lievitazione ad una temperatura di 20°).

Spennellare infine la focaccia con del miele millefiori allungato con acqua tiepida – la ricetta originale prevede invece il latte: scegliete voi, a vostro piacimento! – e ricoprire tutta la ciambella con granella di zucchero.

Cuocere in forno – preriscaldato a 170° – per circa 35 minuti, controllando la cottura.

fasi lavorazione focaccia bellunese

La ricetta è tratta dal libro “Belluno. 50 ricette tipiche”, edito da Terra Ferma Edizioni.


Sapori d’autunno

Ancora una volta, sono i sapori autentici della tradizione e la genuinità dei prodotti di stagione a conquistare il palato. Ecco la ricetta di una crostata chiusa alle noci e ricotta, in cui un morbido ripieno di noci sminuzzate, miele e una punta di cannella si presenta avvolto da una delicata frolla al burro: basta un morso, ed è subito autunno.

Ingredienti

Per la pasta (per uno stampo da 24 cm di diametro)
300 g. di farina bianca, 2 cucchiaini da tè di lievito, 100 g. di zucchero, 1 bustina di zucchero vanigliato, 1 presa di sale, 1 uovo, 1 cucchiaio da tavola di latte, 150 g. di burro o margarina

Per il ripieno 
250 g. di ricotta, noci tritate, zucchero, miele, burro, gocce di cioccolato, cannella in polvere

Procedimento

Mescolare farina e lievito e setacciarli sul piano di lavoro, lavorandone prima una piccola parte. In mezzo, aggiungere lo zucchero, lo zucchero vanigliato, il sale, l’uovo e il latte. Impastare il tutto, aggiungendo poi il burro freddo tagliato a pezzetti e la farina rimasta, lavorando l’impasto fino ad ottenere una pasta liscia. Se l’impasto risultasse attaccaticcio, metterlo al freddo per qualche minuto.

Dividere la pasta in due parti uguali e stenderla col mattarello. Ritagliarne due dischi della grandezza del fondo dello stampo e appoggiarli su un foglio di carta da forno. Mettere da parte un disco (sarà la copertura della torta) e utilizzarne uno per la base del dolce, posizionandolo sullo stampo e forandolo poi con la punta di una forchetta per evitare la formazione di bolle d’aria.

Nel frattempo, preparare il ripieno: in un tegame, tostare le noci sminuzzate insieme ad una noce di burro, allo zucchero e al miele. Togliere dal fuoco e aggiungere infine la ricotta, un po’ di cannella in polvere e le gocce di cioccolato, mescolare il tutto e adagiarlo poi sulla base, fino a ricoprirla in modo omogeneo. Richiudere il dolce con il disco di pasta rimasto, chiudendo bene i bordi.

Infornare nel forno caldo a 180° per circa 35 minuti, verificando la cottura. Una volta raffreddata, cospargere la torta di zucchero a velo.


Chilometro zero

Il profumo dei mirtilli e la freschezza della ricotta si amalgamano alla perfezione in questa ricetta semplicissima che esalta la frutta di stagione. I due ingredienti base, eccellenze tipiche della produzione delle piccole aziende bellunesi, possono essere acquistati nel mercatino agro-alimentare biologico che apre i battenti ogni sabato mattina nel cortile del Centro Culturale Piero Rossi, in piazza Piloni a Belluno. Il mercatino a chilometri zero è anche il punto del partenza del percorso rosso, uno dei cinque itinerari che esplorano il centro storico della città.

Ingredienti
125 gr. di mirtilli, 250 gr. di ricotta, 75 gr. di burro fresco, 75 gr. di zucchero, 150 gr. di farina, 2 uova,  2 cucchiai di latte, scorza grattuggiata di un limone, 2 cucchiai di zucchero a velo.

Procedimento
Amalgamare la pasta frolla impastando velocemente le uova con lo zucchero, il burro, la farina e la scorza di limone. Stendere la frolla montata su una tortiera rotonda, imburrata e infarinata – diametro consigliato di 24 cm – e infornare a 175° per 30 minuti. Verificare la cottura, estrarre la tortiera dal forno e lasciar raffreddare la base.

Nel frattempo, con una frusta, montare la ricotta fresca con lo zucchero a velo e una manciata di mirtilli.

Una volta raffreddata la base, coprirla con la crema di ricotta e guarnire con i mirtilli freschi.